sabato 9 aprile 2016

no .no.. non sto andando in ritiro spirituale...benchè, male non mi farebbe!!!


 
















MONASTERO DI SCARDAVILLA





Aiuto... non pensate che sia impazzita,
non sto andando in ritiro spirituale!!!

Quest'anno alle porte della primavera,
mi ripresento con una collezione
ispirata al casual chic, e la proporrò
in un contesto favoloso:
l'antico Monastero di Scardavilla!

Ecco spiegato il perché del Monastero!!!



I giorni di sabato e domenica 16 e 17 aprile 2016,
in questa favolosa "location" è stata organizzato
un evento molto speciale al quale parteciperò anch'io: qui di seguito la locandina.




 
 
 
Un assaggio di quello che troverete nell'angolino
di tiricucio creations,  in  anteprima:
 
 



Portafoglio rettangolare
in denim e tessuto a fiori beige, in velluto
 





 
 
 
 
 
 
 
Portafoglio quadrato

in denim e tessuto a fiori verde, in velluto 





 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

















la Campagnola bag in denim blue
tessuto optical  e tascona gigante in rafia
 



 
 
Le Boogie Woogie bags in denim blue e nero
e tessuto a fiori in velluto, nei toni arancio e grigio
 
 
 
  
 
 



 
 La Hula Hoop bag in denim nero
e tessuto a fiori, in svariate sfumature
di grigio
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

altre novità
 "are coming, as soon is possible"


 
 
 

Vi aspetto eh!  non fate che 
trovate scuse!!!



























mercoledì 21 ottobre 2015

Semi di futuro



Emily Dickinson (1695)
c'è una solitudine dello spazio.......
.....infinito finito
 






Una mattina di primavera inoltrata,
uno scampolo di stoffa abbandonato in un cassetto,
richiama la mia attenzione.

Bellissimi fiori di velluto marrone,
spiccano sul fondo damascato dai toni morbidi,
in tinta naturale.

Scorrono veloci le dita;
forbici, metro e spilli stanno dando vita, 
alla prima borsa della collezione autunno/inverno 2015/16
" infinito...finito"

(dedicata a qualcuno che tanto amava questa poesia
di Emily Dickinson).








Eccola quà
ma è già stata adottata)













Passo dopo passo,
l'ispirazione  è diventata sempre più prepotente
e le idee non  davano tregua.

Cucendo tutte le notti,
liberavo così ansia, paura,dolore...
e la leggerezza dell'essere ha riacceso
la fiammella ormai ridotta al lumicino.

Il mio motto è diventato:
"cucio, scucio e tiricucio"
non esistono ostacoli; se sbaglio ci riprovo.

Ecco spiegato il perchè di "tiricucio",
dove l'aspirazione sarebbe mirare alla perfezione.

Le "mie bambine" (come le ho soprannominate), 
portano con sé, una parte della mia anima e del mio cuore.








Allora quale luogo migliore per presentarle,
se non alla fiera "Semi di Futuro"
che accomuna tante altre persone dotate di talento
per tutte le arti creative?

L'amica Mara si è gentilmente prestata per
allestire un set fotografico in un angolo vintage; l'interno dell'Hobbies Bar - di Via Celle, 556
a Carraie
Un luogo particolare dove trascorrere le ore
in piacevole compagnia di amici e famiglia
e con una nicchia dedicata ai più piccini.
 
 
Ed ecco un'anteprima per incuriosirvi:






Cosa aspettate,  avete voglia di conoscerle??
 
Allora non vi resta che visitare la fiera
 SEMI DI FUTURO
e cercare "tiricucio".

Si inaugura venerdì 23 ottobre alle 19,00 con aperitivo,
poi sabato 24 e domenica 25, sarà aperto dalle ore 10,00 alle ore 20,00.
Ingresso gratuito.


Non mancate, vi aspetto numerosi!!! 








 

martedì 3 marzo 2015

Un atto d'amore


I nostri primi due mesi con Karina



foto di Ilenia Rimi.


Non si può certo dire che nella mia vita “le gatte da pelare” non me le vada mai a cercare!

Fatto sta, che ho deciso di adottare un altro cane. Anche questo rigorosamente meticcio, abbandonato e maltrattato.


 
La storia parte da questa primavera, ah! no è già la primavera scorsa, quando per puro caso vedo su facebook l'appello di un cucciolo siciliano, salvato da volontari.

        

      Avete presente quando uno sguardo ti colpisce proprio lì, alla bocca dello stomaco?
Che sia uno sguardo umano o di un animaletto poco importa, si innesca inesorabilmente un processo che ti cambia la vita.
 
Comincio allora, a  pensare all'adozione. Ne parlo in famiglia e un po' mi scoraggiano perchè ho già un altro cane e due gatti e vivo in un appartamento minuscolo.

I miei figli pensano che io sia un po' matta, anche perchè il mio Charlie non è stato un cane semplice da gestire in questi anni.

Non avevo intenzione di averne più, ma adesso che Charlie è anziano e con qualche problemuccio di cuore, ci penso spesso al dolore che questa perdita mi comporterà e quindi a dispetto di tutti,  seguo la storia di Karina su facebook.

Vabbè, poi vengo a conoscenza che sta per essere adottata a Genova. Pazienza, buon per lei che ha trovato una famiglia - penso.

Passano mesi e nel frattempo la mia vita viene completamente stravolta e a Karina non penso più.

In autunno, una sera in cui con il cuore a pezzi, sto cincischiando su facebook, ritrovo l'appello di Karina. L'adozione per qualche motivo è saltata e lei è ancora alla ricerca della sua casa.
 
Allora è proprio vero, è tutto scritto nelle stelle - come si dice. Contatto subito la volontaria che se ne occupa e inizia la preparazione pre-adozione.

Karina è un cane traumatizzato, probabilmente a seguito di maltrattamenti; di conseguenza non si fida affatto degli umani ed ha un comportamento particolarmente timoroso e a volte aggressivo.


"Musuerola per il prelievo , giusto per nn farci mordere.."
 
Io sono un po' preoccupata al pensiero di riuscire a rieducarla all'amore delle persone, ma intanto in Sicilia suo paese natio, un educatore si sta prendendo cura di lei, con non poca fatica.

Grande attesa e finalmente concluso il periodo di addestramento, si trova la volontaria che farà la staffetta da Palermo-Roma-Bologna e in una giornata di pioggia battente, Karina mette zampa sul suolo romagnolo.

Mia nuora Vale ed io prendiamo in consegna la cucciola e già c'è la prima sorpresa: mi sembra un cavallo.  Eh! si - perchè nel frattempo Karina è cresciuta di statura.


"Buonasera amici oggi siamo andate a trovare Karina 
Purtroppo la cucciola è molto spaventata non si fa avvicinare da nessuno chissà cosa le è successo mentre vagava per strada!
Stavamo pensando di chiedere il parere di un comportamentista il che significherà aggiunta di costi ma di certo dobbiamo aiutarla!
Purtroppo siamo al collasso cerchiamo per lei mamme/papà a distanza chi ci aiuta?"

 
Oddio non è che sia esageratamente grande, è longilinea e di taglia media, ma rispetto al cagnetto al quale sono abituata e al nostro spazio abitativo, ho timore che qualcuno dovrà dormire all'aperto. Chi fra di noi: io, o gli animaletti?

E' spaventatissima sia dal viaggio che dalla situazione, sta tutta ripiegata su sé stessa che sembra un bruco.

Bologna-Forlì in auto ed eccoci a casa. La tratto come se fosse di cristallo, ho quasi timore ad accarezzarla, non voglio spaventarla più di quello che è già.
Ha gli occhi sbulbati e strabuzzati dal terrore, ma la capisco bene, la sua vita è ancora una volta,  un'incognita. 

L'impatto con cane e gatti è comunque tranquillo e dopo una prima abbaiata di Charlie, e un'annusata distratta da parte dei gatti, che si fanno i fatti loro, si ignorano.

Spodesta immediatamente Charlie dal suo rifugio sotto al mio letto e ci si rintana. Durante la notte si butta sopra e si mette a dormire vicino a me, ma questa sarà la prima e anche ultima volta che lo farà, perchè poi non ha mai più ritentato. (almeno per dormire!!!)
 
Al mattino dopo, passeggiata fuori per i bisogni; ma quanto a questo non se ne parla neanche. Quasi inciampo nelle sue zampe perchè mi sta talmente attaccata che mi fa la gambarella.

E aihmé, qui cominciano i problemi. Io pensavo che dovendosi abituare ai ritmi nuovi ci sarebbe voluto un po' per imparare dove e quando fare i bisogni, ma non pensavo mai che avesse deciso di scegliere come “suo cesso privato” : il mio letto!!??? grr....acc....

Fortunatamente, siccome anni fa avevo avuto problemi di gelosia con la mia gatta, per precauzione - non si sa mai - tengo sempre una tela cerata sul materasso e i danni sono stati limitati.

Successivamente ho provato in tutti i modi a dissuaderla dal farlo, ma non sono mai riuscita a coglierla sul fatto (la furbona è silenziosissima) per poterla sgridare come si deve.

L'educatore mi suggeriva di metterla a dormire nel trasportino e di portarla fuori per i bisogni appena la liberavo, oppure l'altra alternativa era di lasciarla fuori in cortile.

Nel primo caso, se tentavo di infilarla nel kennel mettendoci del bello e del buono, se la faceva addosso dalla paura.

Sembra semplice, ma lei non ci vuole più entrare se non a malapena, per andare in auto. Se la obbligo al trasportino comincia a scalciare come un puledro sbattendo a destra e a manca, facendosi anche male!!

Nel secondo caso, se proprio mi piace tanto stare in cortile,  che ci stessi io, che lei preferisce il divano a polleggiarsi con Charlie, che di stare fuori da sola al freddo non se ne parla proprio!!

Allora ho pensato per non aggiungerle altri traumi, di mediare; non mi  rimane che chiudere la camera. Sfortunatamente quella vigliacca, quando rimane sola mi scorteccia la porta per aprirla, con le ovvie conseguenze.

Ancora adesso, è un tira e molla, se può non si lascia sfuggire l'occasione per farlo.

Sul mio letto staziona sempre un telo di plastica “del tipo siamo barboni e ci copriamo con un telone” e le porte sono state rigorosamente ricoperte di una pellicola trasparente adesiva, che le impedisce di distruggerle a graffi. I fili della luce e del telefono sono stati abilmente “scoccettati” con lo scotch di carta; perchè quando si annoia il suo gioco preferito è mangiare tutto ciò che le capita a tiro.

Sono convinta che a breve, quando farò sistemare la gattaiola più grande per fare uscire anche lei, non ci saranno più problemi di pipì in casa.
Per adesso di gattaiole se ne è  già divorate  tre; quando vede uscire Charlie e lei rimane dentro si fa prendere dalla tigna (tipica espressione romagnola per indicare rabbia da frustrazione) e sradica completamente la porticina basculante e poi la sgranocchia.

Il suggerimento dell'educatore, quello di ungerla ben bene di tabasco sembra abbia sortito l'effetto voluto, ultimamente la disdegna - speriamo che duri!

Prima o poi diventerà adulta e si calmerà, smetterà anche di fare questi malestri, per adesso quando rientro dal lavoro, il mio interrogativo è: chissà cosa mi aspetta a casa!!.

Se malauguratamente dimentico qualcosa - il che accade spesso - si mangia coperchi di plastica, ciabatte, spazzole per capelli, tubo dell'aspirapolvere, spazzola per lavare il bucato ecc... e new entry anche lo spazzolino da denti che ha continuato a cagare per giorni.

Ho eliminato fino all'altezza di un metro tutto quello che poteva distruggere, ma quando si alza sulle zampe posteriori è alta come me e perdinci non so più dove nascondere le cose in quel metro quadro di appartamento!!

In cortile poi ho  spostato i bidoni per la differenziata perchè riesce ad aprirli e spargere in giro e mangiarne le schifezze.

Le lettiere dei gatti, (anche i miei gatti sono strampalati come me, non usano i sassetti ma una fioriera, messa appositamente per loro con del terriccio sempre fresco) ne scava via la terra e si mangia.....ehmm....... insomma avete capito, ecco..........  una vera monellaccia!!!

Segue Charlie come un'ombra e dove sta lui, sta anche lei. Dormono assieme vicini vicini, e anche tutte le sue cattive abitudini le ha imparate subito.

"Quadretto di famiglia, vicini vicini!"



Del tipo, anche se hanno appena mangiato e vedono che spignatto per me, non si danno pace e mi gironzolano intorno come due morti di fame, e guai a dimenticare un tegame con del cibo e uscire un secondo dalla cucina, perchè si serve il pasto da sola e lo spazzola con il ringraziamento di Charlie, che essendo un nanerottolo, queste cose non gli è mai riuscito di farle.



 



Se passeggiamo col guinzaglio lo imita nel tiro alla fune  - mentre quando è da sola  è bravissima, tant'è che spesso devo girarmi  per vedere se è ancora attaccata tanto è leggera e delicata, una vera  piuma.

Per non dimenticare poi dei concertini appena esco di casa, lui attacca con la grancassa e lei lo segue con il trombone!!









   I primi tempi se ne stava rintanata sotto al letto e non c'era verso di farla uscire neanche per mangiare, figuriamoci il resto. Per giorni mi sono sdraiata con lei lì sotto, con il rischio di rimanere incastrata e non uscirne fuori (non sono più agile come una volta!!!).
Lì, la abituavo a metterle il guinzaglio e con quello riuscivo a stanarla.

Da allora sono passati due mesi e in questo piccolo spazio temporale,  ha imparato a stare anche in nostra compagnia; e se vengono estranei non si nasconde più, anche se è comunque ancora timorosa.

Al richiamo “guinzaglio”, si mette in postazione nel suo angolino preferito e aspetta, i bisogni però li fa solo nel cortile; in passeggiata non se ne parla proprio, è capace di trattenerla per ore.
Ueh! -  dico -  sono una donzella mica posso farla davanti a tutti eh!!

In cortile basta dirle: fai la pipì -  e lei si apposta e fa tutto, poi rientra e aspetta il biscottino  - rigorosamente preparato  in casa dalla zia Vale, nostro pusher abituale di biscotti  per cani.

Ancora la strada per l'emancipazione è lunga -   io la percepisco come un cane adulto perchè è di taglia grande, ma in realtà dovrei ricordarmi che è ancora cucciola, con tutte le monellerie tipiche di quell'età.

Avendo un nipotino di poco più di due anni sono sempre molto attenta, perchè il bimbo può spaventarla con i suoi giochi rumorosi e lei potrebbe magari rivoltarsi.

L'altro giorno però, sotto la mia supervisione la scena è stata questa: Emanuele correva attorno al tavolo dietro a Charlie e Karina, con la carriola.
Ogni tanto Karina li mollava zompando sul divano, poi al successivo passaggio si rimetteva in pista. Karina sei uno spasso!!

Che dire, gli animali sono una vera panacea per tanti mali. Magari, anche solo per un attimo, ti fanno distrarre da un dolore più grande, oppure con il loro silenzio e lo sguardo riconoscente ti fanno sentire un essere speciale e la persona migliore del mondo - anche se in realtà non ritieni di esserlo affatto.

  Karina ed io - penso - era destino che dovessimo incontrarci.
E' un animaletto dolcissimo,  ci stiamo donando reciprocamente tanto affetto che in questo momento serviva ad entrambe.



Lei sta imparando che non tutte le persone a questo mondo sono degli esseri abominevoli e crudeli, ma si incontrano anche persone speciali come i volontari che l'hanno salvata da una sicura morte e ai quali sarò eternamente grata per il lavoro svolto.
Un grazie speciale a Manuela , Ilenia, Ninni, Virginia e a tutti gli altri che hanno contribuito al suo recupero.




Quest'anno il mio atto d'amore sarà rivolto a loro e all'associazione che si occupa di aiutare i volontari d'Italia, che hanno tanto bisogno di sostegno economico, per salvare gli animali che subiscono violenze e abbandoni.

      Li ammiro profondamente tutti, per l'impegno e l'amore che dedicano a questa che ritengo sia una missione, e per la quale sacrificano il loro tempo e la loro vita.
 




 
bau...bau....un abbraccio da Karina
e dalla sua nuova mamma
 
 

 

mercoledì 1 ottobre 2014

lettera ad un figlio





Non avrei mai pensato,
che in un momento di dolore straziante come questo
io avrei potuto essere anche tanto serena.

Tutto ciò l'hai reso possibile tu
che con la tua grande generosità,
ragazzo meraviglioso,
mi hai aiutato 
durante la tua breve e
velocissima malattia,
a rasserenarmi con la vita
perché mi stava amputando
in maniera così orribile.

Ho sempre pensato
che il dolore
per la perdita di un figlio
dovesse essere insuperabile
e che la vita poi
non avrebbe avuto
più ragion d'essere.

Passato un primo momento di rabbia
per l'ingiustizia del tuo destino,
ti sei prodigato per non farci soffrire.

Ci ripetevi quanto eri fortunato
ad averci vicino,
quanto eravamo meravigliosi
a prodigarci tanto per te
e che tu non saresti
potuto essere più felice di così
senza di noi.

Il filo conduttore 
é stato l'amore,
l'amore che ci ha unito
ancora di più,
che ci ha reso una famiglia forte
nell'affrontare un percorso
di così difficile comprensione.

L'amore di noi genitori,
di tua  sorella, di tuo cognato, del piccolo nippi
il tuo nipotino Emanuele,
dei parenti, degli amici,
ma soprattutto l'amore di Valentina,
tua moglie, come tu lo definisci
l'amore della tua vita,
la cosa più bella che tu abbia mai avuto,
e come recita il rito del matrimonio
nella "buona e nella cattiva sorte"
vi siete donati in questi due mesi,
un amore così grande, così meraviglioso,
che solo due persone uniche come siete voi due,
potevate darvi.

Alessandro, mi hai dato una grande lezione di vita,
mi hai insegnato che si può affrontare
il dolore per l'inevitabile,
con grande coraggio, dignità e determinazione.

Mi hai reso pronta
a lasciare andare la tua anima,
verso luoghi dove non esiste
la sofferenza, l'odio e il rancore,
ma esiste solo l'amore.

Sarà inevitabile per tutti noi
che ti amiamo,
soffrire perché non ti vedremo più,
perché non potremo più toccarti, vederti,
ma non ci addoloreremo per questo,
perché se ti conserveremo nel nostro cuore,
la tua vita sarà.......eterna.

Grazie  da tutti figlio mio,
per averci permesso di essere
i tuoi compagni di vita.








lunedì 11 agosto 2014

una lacrima sul viso....










comincia una nuova avventura
per il piccolo di casa.
il nipotino é diventato "grande"
e fra poco inizierà un nuovo percorso
nella sezione primavera!




piccolo monello,
dai capelli scompigliati e riccioli ribelli,
quanto ci farai preoccupare ad ogni livido,
ad ogni bisticcio coi compagni,
ad ogni pianto che ti farai per una sbucciatura.....


vorrei trattenere ogni istante
perché tutto passa così in fretta....


ieri ero solo una mamma
oggi sono doppiamente mamma

e allora  conserveremo insieme,
alla tua mamma e al tuo papà
questi teneri ricordi

che domani, quando sarai adulto,
porterai nel tuo cuore
e li consegnerai ai tuoi figli
e ai tuoi nipoti 










........ e mi scende una lacrima sul viso













martedì 29 luglio 2014

aspettando un'estate che non arriva....




un giorno si e un giorno no
acqua a catinelle.

chi ha prenotato le vacanze
maledice tuoni, fulmini e saette


chi invece, guardando nel fondo
del suo conto corrente,
(io) 
scopre che è meglio passare le ferie tranquillamente a leggere un libro
o a fare una passeggiata
alla scoperta della propria città;


del meteo avverso, non se ne preoccupa troppo,
anzi ne gode.


tiricucio,  ma allora cosa fai in queste giornate melanconiche?



conto le gocce che cadono dal cielo
e le fisso sulla stoffa,
per ricordarmi di un' estate così piovosa!!













e poi e poi
che cosa vedi ancora?


vedo una barchetta colorata che veleggia sotto il temporale






   un battello sul Mississippì








un forziere piccolo piccolo
dove nascondere le lacrime







 e uno grande da riempire con le gioie della  vita







e poi, vedo uno scrigno enorme
per contenere gli affetti più cari









ma passata la tristezza e la pioggia
torna il sole e l'allegria
 

tutto si colora di rosso,
il colore del cuore,


 
 
dell'amore,
della vita,





 

e allora.......vedo una bocca che sorride






non la vedi anche tu??









Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...